Archivio mensile:Febbraio 2023

  • 7 consigli per prepararsi a un lungo viaggio in bicicletta

    Il ciclismo è una delle attività più popolari al mondo. Secondo Zippia, il numero di ciclisti negli Stati Uniti nel 2022 era di 52 milioni. Statista ha anche stimato che il mercato della bicicletta negli Stati Uniti è di oltre 6 miliardi di dollari. Si prevede inoltre un aumento costante di queste cifre.

    L’elevato numero di ciclisti in tutto il mondo non deve sorprendere. Oltre a essere un mezzo di trasporto, la bicicletta è anche una forma di esercizio fisico con numerosi benefici per la salute. Secondo un articolo intitolato “Health Benefits Of Cycling: A Systematic Review”, pubblicato sul sito web della National Library Of Medicine, la bicicletta può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, sovrappeso e cancro. Non sorprende quindi che molte persone abbiano scelto il ciclismo come hobby ed esercizio fisico.

    Inoltre, la crescita del numero di biciclette in tutto il mondo ha portato a un aumento della disponibilità di posti di lavoro per meccanici di biciclette. La voglia di andare in bicicletta si è trasformata in una fonte di avventura: molte persone portano la loro bicicletta in lunghi viaggi. Tuttavia, i lunghi viaggi in bicicletta possono essere difficili e stressanti. Se non sono fatti bene, possono anche causare una serie di problemi.

    A questo proposito, abbiamo stilato questa serie di 7 consigli per illustrarvi ciò che dovete mettere in atto per un viaggio in bicicletta di successo su lunghe distanze.

    Come superare un lungo viaggio in bicicletta

    A differenza di altri mezzi di trasporto, come i veicoli a motore, che devono essere riforniti di carburante prima di iniziare il viaggio o dopo aver percorso una certa distanza, non è necessario rifornirsi di carburante o di carburante per la bicicletta. Tuttavia, ci sono altre cose necessarie a cui prestare attenzione prima di iniziare il viaggio.

    Suggerimento n. 1: preparare la bicicletta

    La prima cosa da mettere a punto quando si pianifica un viaggio in bicicletta a lungo raggio è la bicicletta stessa. Controllate la vostra bicicletta e assicuratevi che sia in ottime condizioni. Non esitate a contattare un meccanico di biciclette professionista per controllare e confermare che sia in ottime condizioni per il lungo viaggio.

    Suggerimento n. 2: scegliere l’abbigliamento giusto

    Esistono capi di abbigliamento specifici per il ciclismo, ma molte persone vanno in bicicletta indossando abiti normali. Tuttavia, indossare il giusto abbigliamento da ciclismo è molto utile per i viaggi a lunga distanza.

    Suggerimento n. 3: mangiare bene prima di partire

    Il ciclismo è un’attività faticosa che può richiedere una grande quantità di energia. Secondo Healthline, sebbene la corsa richieda più energia del ciclismo, quest’ultimo può essere praticato più a lungo e quindi alla fine richiede altrettanta energia.

    È quindi consigliabile mangiare bene prima di partire per una lunga pedalata. Mangiate carboidrati facilmente digeribili che possano rimanere a lungo nello stomaco, fornendo così carburante sufficiente per le lunghe distanze.

    Suggerimento n. 4: mantenere la giusta postura

    Il ciclismo su lunghe distanze può richiedere molto tempo, il che significa che si consuma molta energia e si rischia di affaticare il corpo. È quindi essenziale sapere come posizionare bene il corpo, in modo da non consumare troppa energia e affaticarsi facilmente. L’obiettivo è sedersi correttamente e mantenere una postura corretta durante tutto il viaggio.

    Assicuratevi di avere l’altezza corretta del sedile e di mantenere una posizione dritta. Le ginocchia non devono oscillare quando si pedala. Inoltre, non devono essere rivolte verso l’esterno, come un’anatra.

    Suggerimento n. 5: mantenersi ben nutriti e idratati

    Anche se la bicicletta non ha bisogno di essere rifornita, il ciclista ne ha bisogno. Per questo motivo, oltre ad essere ben nutriti all’inizio del viaggio, dovete assicurarvi di avere con voi degli spuntini che vi permettano di andare avanti. Dovreste anche tenere con voi una bottiglia d’acqua per mantenervi idratati. L’ideale sarebbe avere con sé una scorta d’acqua supplementare per il viaggio.

    Suggerimento n. 6: segmentare il viaggio

    Per quanto si abbia voglia di arrivare a destinazione il prima possibile, è importante segmentare un lungo viaggio. Dividete il viaggio in fasi.

    Assicuratevi di prevedere delle pause per riposare dal viaggio. Queste pause vi aiuteranno a riposare, mangiare, recuperare le energie e pianificare la fase successiva.

    Suggerimento n. 7: utilizzare gli strumenti necessari

    I viaggi in bicicletta di lunga durata possono essere impegnativi sia per il ciclista che per la bicicletta. Pertanto, è necessario portare con sé gli strumenti necessari per riparare la bicicletta. Se avete difficoltà a riparare la bicicletta, assicuratevi di avere un telefono per chiedere aiuto e un modo per pagarlo.

    Ricordate che la vostra mente gioca un ruolo di primo piano

    Tutto ciò che si fa parte dalla mente. Pertanto, è necessario preparare la mente prima di partire per il viaggio. Questo vi aiuterà a prepararvi e ad affrontare qualsiasi sfida durante il viaggio.

    Conclusione

    I tempi stanno cambiando e molte persone sono pronte a vivere avventure all’aria aperta. Una delle avventure che molti desiderano vivere è l’uso della bicicletta per i viaggi a lunga distanza. Tuttavia, molti elementi contribuiscono al successo di un’esperienza ciclistica a lunga distanza. In questo post abbiamo discusso 7 consigli che possono aiutarvi a prepararvi per un lungo viaggio in bicicletta.

  • Batterie per biciclette elettriche: Come scegliere quello giusto e trarne il massimo vantaggio

    Le batterie per biciclette elettriche sono uno dei componenti più importanti di una bici elettrica. Senza una buona batteria per bici elettriche, non si va molto lontano. La tecnologia delle batterie si evolve rapidamente, quindi è difficile capire quale sia il tipo di batteria migliore. Ecco una guida completa ai tipi di batteria per bici elettriche, oltre a come ottenere il massimo dalla vostra batteria (in termini di durata e prestazioni).

    Batterie per biciclette elettriche al piombo (SLA)

    Le batterie al piombo per biciclette elettriche sono economiche e facili da riciclare. Tuttavia, sono sensibili al cattivo trattamento e non durano molto a lungo. Non sono una buona scelta se si intende utilizzare la bicicletta per spostarsi su distanze piuttosto lunghe.

    Le batterie al piombo sono economiche per diversi motivi. Pesano il doppio delle batterie NiMh e il triplo delle batterie al litio. Queste batterie hanno una capacità utile molto inferiore rispetto alle batterie al NiMh o al litio. Inoltre, durano solo la metà rispetto alle batterie al nichel o al litio.

    Attenzione: se viene pubblicizzata una bicicletta elettrica economica e l’annuncio non indica il tipo di batteria, si può essere quasi certi che abbia una batteria al piombo-acido. Potrebbe essere economica, ma questo non significa che si tratti di un affare. Questo tipo di batteria potrebbe essere sufficiente se si desidera che la bicicletta venga utilizzata solo per un uso ricreativo leggero. In caso contrario, sarebbe meglio evitare queste batterie.

    Batterie per biciclette elettriche al nichel-cadmio (NiCd)

    Peso per peso, le batterie al nichel-cadmio (NiCd) hanno una capacità maggiore rispetto a quelle al piombo-acido, e la capacità è un aspetto importante per una bicicletta elettrica. Tuttavia, il nichel-cadmio è costoso e il cadmio è una sostanza inquinante e difficile da riciclare.

    D’altra parte, le batterie al NiCd durano più a lungo di quelle al piombo. Ma la realtà è che, essendo così difficili da riciclare o da smaltire in modo sicuro, le batterie al NiCd stanno rapidamente diventando un ricordo del passato. Inoltre, non sono una buona scelta per quanto riguarda il tipo di batteria, indipendentemente dal prezzo.

    Batterie per biciclette elettriche al nichel-metallo idruro (NiMh)

    Le batterie NiMh sono leggermente più efficienti delle batterie NiCd, ma sono anche più costose. La maggior parte delle persone riferisce che le NiMh non offrono grandi miglioramenti in termini di autonomia rispetto alle NiCd. In compenso, durano più a lungo e sono più facili da smaltire correttamente.

    Tuttavia, anche le batterie NiMH stanno diventando una rarità, perché il mercato è stato conquistato dalle batterie agli ioni di litio (Li-ion).

    Batterie per biciclette elettriche agli ioni di litio (Li-ion)

    Gli ioni di litio sono diventati la batteria di riferimento, conquistando oltre il 90% del mercato. Ma per complicare le cose, esistono molti tipi diversi di batterie agli ioni di litio. Il lato positivo è che le batterie agli ioni di litio durano più a lungo e generano più energia per il loro peso rispetto ad altre batterie. Il lato negativo è che sono piccole creature esigenti e richiedono una serie di funzioni elettroniche geniali per evitare che si autodistruggano e prendano fuoco.

    Naturalmente, questo non è un problema per voi, perché il produttore ha risolto il lato geniale. Ma come tutte le cose belle della vita, questo ha un prezzo: questo tipo di batteria è molto costoso e non accenna a diminuire.

    Batterie per biciclette elettriche ai polimeri di litio (Li-pol)

    Si tratta di una batteria nuova, che non promette di essere migliore di quelle agli ioni di litio in termini di autonomia, peso o prezzo. Tuttavia, può essere modellata in forme interessanti. Non contengono liquido, quindi non richiedono le pesanti custodie protettive di cui hanno bisogno le altre batterie. Inoltre, l’assenza di liquido libero significa teoricamente che dovrebbero essere più stabili e meno vulnerabili ai problemi causati da sovraccarico, danni o abusi. In generale, sembrano essere ideali per l’uso in applicazioni ad alta capacità e bassa potenza, come le biciclette elettriche.

    Vista la nuova tendenza a rendere le biciclette elettriche simili alle altre, immagino che alcuni produttori creativi proporranno idee radicalmente interessanti. Tuttavia, non mi affretterei ad acquistare uno di questi tipi di batteria, finché non si dimostreranno validi in termini di durata.

    Batterie per biciclette elettriche al litio cobalto (LCO)

    Si tratta di un’altra variante degli ioni di litio. È un prodotto relativamente nuovo e i suoi sostenitori affermano che ha una densità energetica molto più elevata rispetto alle altre batterie al litio, in modo da offrire una potenza ottimale in un pacchetto leggero e compatto. Ad esempio, viene utilizzata nelle Optibike e i produttori affermano che “nessun’altra bicicletta elettrica può andare lontano come una Optibike, garantito”. Si tratta però di un’altra bicicletta che deve ancora dimostrare la propria validità.

    Batterie per biciclette elettriche al litio manganese (LiMg204)

    Si tratta di un’altra novità, la stessa tecnologia delle batterie utilizzata nell’auto ibrida Nissan Leaf. Alcuni sostengono che sia la migliore di tutte. Ad esempio, è utilizzata nelle bici elettriche Elite e i produttori sostengono che dura più a lungo e genera più energia rispetto alle altre batterie al litio.

    Conclusione del dibattito sulle batterie per biciclette elettriche

    Come si può vedere, è difficile capire a quali affermazioni credere. Sembra comunque che il litio cobalto offra una maggiore densità energetica, ma che le batterie al litio manganese siano un po’ più sicure e più rispettose dell’ambiente.

  • Come scegliere la migliore luce per bicicletta

    La luce della bicicletta è sufficientemente luminosa?

    La luce ideale per la bicicletta deve essere abbastanza luminosa per vedere ed essere visti, ma non deve essere così luminosa da accecare le altre persone. Le luci per bicicletta sono valutate in lumen, con 300 lumen come minimo per il ciclismo pendolare al buio.

    Come punto di riferimento, si tenga presente che un singolo proiettore anabbagliante per auto ha una potenza di circa 700 lumen, mentre un singolo proiettore abbagliante tipico per auto ha una potenza di 1.200 lumen.

    Inoltre non è una buona idea andare troppo forte. Una gamma di 300-500 lumen va bene per il ciclismo urbano. Tuttavia, con una luce, avete la possibilità di usarla a bassa luminosità, quando emette circa 400 lumen, e poi di attivare l’alta luminosità (1000 lumen) se state andando fuori strada nel buio più assoluto senza altri utenti della strada.

    Anche se 300 lumen sono sufficienti, è bello avere una luce per bicicletta con una potenza extra per quando serve. In pratica, le diverse modalità delle luci per bicicletta di alta qualità come questa consentono di utilizzare il massimo dei lumen quando è necessario e di usarne di meno quando non serve tanta luce e non si vuole accecare le persone.

    Certificazione FL-1

    Tenete presente che i produttori di luci per biciclette possono dichiarare il numero di lumen che desiderano. Tuttavia, i produttori possono richiedere volontariamente la certificazione FL-1, il che significa che la luce è davvero così luminosa come dichiarato dal produttore. Se vedete una certificazione FL-1, potete essere molto più sicuri di acquistare una luce per bicicletta. Lo standard ANSI/NEMA FL-1 è un protocollo di test che misura scientificamente la luminosità, il tempo di funzionamento e la resistenza all’acqua e agli urti di una lampada.

    Diverse modalità per le luci della bicicletta

    Le luci per bicicletta di buona qualità sono solitamente dotate di diverse modalità, come bassa, alta, lampeggiante e fissa. La modalità lampeggiante prolunga notevolmente la durata della batteria. La modalità fissa serve per vedere, quella lampeggiante per essere visti. Mi piace avere una luce per ciascuno. La maggior parte dei ciclisti ha una sola luce per bicicletta e la regola a seconda delle condizioni.

    La luce della bicicletta è facile da installare e rimuovere?

    Non si vuole perdere ore per installare la luce della bicicletta e si vuole poterla portare facilmente con sé quando si parcheggia la bicicletta in un luogo pubblico, per evitare i furti. Inoltre, se la luce per bicicletta dura per anni (e una buona luce dovrebbe durare), potreste essere sorpresi di quante volte vorrete spostarla su biciclette diverse.

    Com’è il fascio di luce?

    A volte capita di vedere una lampada pubblicizzata a un prezzo che sembra incredibilmente basso per la quantità di lumen. In questo caso, il produttore potrebbe risparmiare sulla tecnologia delle lenti, con un obiettivo economico che concentra la luce in un fascio stretto. È necessaria una lampada che disperda il fascio di luce con una buona ampiezza senza perdere troppa luminosità. Le immagini seguenti mostrano i fasci luminosi di due luci per bicicletta di alto livello.

    Quanto è facile ricaricare la luce della bicicletta?

    Ho avuto biciclette economiche che richiedevano un cacciavite per rimuovere la batteria per la ricarica: ridicolo! Questa è una ragione per non avere luci economiche. (L’altro motivo è che le luci da bicicletta economiche non sono mai abbastanza luminose). Al giorno d’oggi molte luci da bicicletta si ricaricano con un cavo di ricarica USB, che consente una facile ricarica alla scrivania. Ho pensato per anni di armeggiare con macchine per la ricarica delle batterie una volta alla settimana, ricaricando tutte le AAA e le AA che alimentavano le luci della mia bicicletta. Sono felice di non doverlo più fare!

    La maggior parte delle luci per bicicletta utilizza un cavo micro USB generico, il che è comodo. Naturalmente, si ricaricano molto più rapidamente se vengono collegate direttamente alla parete e non a un computer. Alcune vengono fornite con una base di ricarica, per rendere il tutto ancora più semplice. Mi piace sistemare le basi di ricarica in posti comodi, per semplificare la vita.

    La luce per bicicletta è impermeabile?

    Questo è molto importante, perché non volete che le luci della vostra bicicletta si spengano durante un forte acquazzone in una notte buia!

    L’impermeabilità è valutata con uno standard IP. In generale, la maggior parte delle luci per bicicletta di buona qualità sono progettate per essere almeno resistenti all’acqua, in modo da non dover andare nel panico quando inizia a piovere.

    La luce della bicicletta ha un indicatore di stato della batteria?

    Questi possono essere molto utili per garantire che non si esaurisca la carica. Tuttavia, a mio parere, non è un problema, in quanto è sufficiente una regolare routine di ricarica per non rimanere mai a corto di energia.

    In conclusione, come scegliere la migliore luce per bicicletta

    È meglio considerare tutti i fattori sopra elencati quando si acquista una luce per bicicletta. Tuttavia, i dettagli possono essere sorprendentemente difficili da trovare. Spesso le inserzioni online sono semplicemente sbagliate o approssimative, e bisogna andare fino ai manuali e alle confezioni per trovare la verità.

  • Come sopravvivere a un viaggio in bicicletta di lunga durata: i 5 consigli più importanti da conoscere

    Se avete in programma un viaggio in bicicletta di lunga durata, sia esso a scopo agonistico o solo per divertimento, dovete prepararvi con attenzione. Sebbene i benefici per la salute del ciclismo siano innegabili (Environmental Health Perspectives), l’attività presenta alcuni rischi. Questi rischi si accentuano quando si spinge il corpo a pedalare per molto tempo. È necessario prendere alcune precauzioni per ridurre questi rischi e rendere la corsa in bicicletta un vero e proprio toccasana per la salute. Ecco i nostri cinque consigli principali per assicurarvi che le vostre uscite in bicicletta a lunga distanza vi facciano sentire più sani, invece di farvi sentire male!

    I 5 migliori consigli su come rendere sani e sicuri i viaggi in bicicletta a lunga distanza

    Suggerimento 1: cambiate posizione. Spesso.

    Una corsa a lunga distanza è sicuramente dura per le gambe, ma sono le mani, il collo, le spalle e il sedere a soffrire molto di più durante questa avventura. L’unico modo per ridurre un po’ il dolore è fare almeno un po’ di esercizio a questi muscoli. Ciò significa che dovete scrollare le spalle e cambiare spesso la posizione delle mani. Le scrollate di spalle devono essere una costante, quindi cercate di non passare nemmeno un minuto intero senza un minimo movimento.

    Per quanto riguarda il sedere, che sicuramente sarà indolenzito, dovreste indossare pantaloncini imbottiti della migliore qualità che potete permettervi. E non dimenticate di procurarvi una sella comoda. Ne avrete bisogno per non sentire l’agonia ogni volta che sbattete contro un sassolino.

    Suggerimento 2: mangiare e bere spesso

    Il ciclismo è un ottimo tipo di esercizio cardio per bruciare i grassi. Ma brucia anche le energie in modo estremamente rapido. Quando si affronta una corsa di lunga durata, bisogna essere pronti a rifornirsi spesso. Mangiare uno spuntino da 200-300 calorie ogni ora è la soluzione migliore se si è in gara. Se si pedala a un ritmo moderato e su un terreno uniforme, si può ridurre un po’ la frequenza.

    Il tipo di spuntino che mangiate avrà un grande impatto sulle vostre prestazioni e sulla vostra salute durante una lunga corsa. Potreste rimanere sorpresi, ma per avere un elenco delle scelte migliori dovreste cercare cosa mangiare per perdere peso. Scegliete gli alimenti simili a spuntini da quell’elenco e includeteli nel vostro menu per le lunghe distanze. Queste particolari opzioni (ad esempio, mandorle, frutta, ricotta) danno energia al corpo in modo rapido e forniscono un’ampia gamma di nutrienti. In questo modo si ottiene un afflusso equilibrato di energia.

    Scegliere bene i tempi degli spuntini permette di non esaurire il corpo e di non esaurirlo. Questo non solo aumenterà le vostre prestazioni e la vostra resistenza. I nutrienti contribuiranno anche ad accelerare il recupero muscolare, in modo da essere meno indolenziti la mattina dopo.

    Suggerimento 3: evitare le ore di punta e le strade trafficate

    Uno studio pubblicato sul Journal of Occupational and Environmental Medicine e altre fonti evidenziano il pericolo dei gas di scarico per la salute dei ciclisti. Si tratta di una minaccia importante e in alcuni casi i danni possono essere abbastanza gravi da superare i benefici dell’esercizio fisico.

    Poiché non è possibile evitare completamente i fumi durante un viaggio a lungo raggio, la scelta migliore è quella di limitare i danni. Ciò significa pianificare il viaggio in modo da evitare le ore di punta. È inoltre necessario scegliere un percorso che si trovi a non meno di un isolato di distanza dalle strade trafficate.

    Suggerimento 4: Salite in collina con uno stress minimo

    In una corsa di lunga durata non è possibile evitare completamente le colline. Pertanto, è necessario imparare a scalarle senza aumentare troppo lo stress del corpo. A tal fine, è sufficiente mantenere un ritmo costante, indipendentemente dall’ostacolo. Alternate la posizione (seduta e in piedi) per facilitare i muscoli.

    È naturale che dobbiate fare più fatica per la salita. Tuttavia, in discesa avrete anche la possibilità di rilassarvi un po’. Esercitatevi a trovare l’equilibrio che vi farà sforzare meno i muscoli.

    Suggerimento 5: Sviluppare una strategia di ritmo

    Quando si parte per un’escursione in bicicletta di lunga durata, è necessario darsi un ritmo fin dall’inizio. In questo modo eviterete di crollare per la stanchezza a metà percorso.

    All’inizio, quando i livelli di adrenalina e di resistenza sono elevati, si dovrebbe rallentare deliberatamente. Assicuratevi invece di consumare le vostre energie a un ritmo costante e regolare. Se state correndo, assicuratevi di lasciare un po’ di forza per l’esplosione finale di velocità.

    Con questi cinque consigli, ci auguriamo che il vostro prossimo viaggio in bicicletta a lunga distanza sia un po’ più facile!